“Si discute e si delibera alla cieca, senza conoscere ciò di cui si discute e su cui si è chiamati a deliberare”.

L. Einaudi, “Prediche inutili” (1959). 

Einaudi LAB è un laboratorio di idee, analisi e ricerche per dare risposte liberali ai problemi e alle sfide politiche del presente e del futuro.

L’obiettivo è quello di elaborare soluzioni e indirizzi di policy a supporto dei processi decisionali pubblici e in difesa delle libertà individuali.

Ci impegniamo affinché i cittadini e le imprese possano realizzarsi e prosperare in una società che tuteli la sfera privata e gestisca i beni pubblici in modo efficiente, vantaggioso e trasparente per i cittadini.

Come lavoriamo

Einaudi LAB applica il metodo sperimentale e adotta l’approccio scientifico sia nelle attività di ricerca sia nelle attività di divulgazione.

L’indipendenza, la pluralità e la multidisciplinarietà sono considerati valori assoluti e imprescindibili, senza i quali la ragion d’essere del laboratorio verrebbe a mancare.

Promuove il dialogo continuo e trasversale alle formazioni politiche internazionali ed italiane.

Se desideri partecipare all’Einaudi Lab, contattaci qui, allegando il tuo CV e raccontandoci le tue motivazioni.
settembre 15, 2017

La vivacità dei contenziosi pubblici italo francesi

Gli sviluppi di questa settimana nei rapporti tra Italia e Francia –
settembre 4, 2017

ATAC, basta ideologie: bisogna gestire il concordato preventivo

L’Atac ha un debito di 1,3 miliardi di euro: assenti che arrivano
agosto 31, 2017

Pil e dati Istat. Istruzioni per l’(ab)uso

Alla interpretazione esultante dei numeri dell’economia diffusa da governo e Pd si
settembre 11, 2017

L’austerity paga? Chiedete ad Angela Merkel

Scarica il paper. Una panoramica economica e politica sulla Germania che andrà
agosto 15, 2017

La burocrazia vince sulle imprese in Italia

L’ipertrofia procedurale e la lentezza della burocrazia italiana rappresenta da sempre un problema
agosto 10, 2017

Fincantieri: tra il calcolo politico e gli interessi nazionali

Di Cristiano Gatti e Leonardo Cappuccilli. Scarica l'articolo in pdf. La decisione del