Una lezione dall’Africa: il mercato è la via per la sostenibilità

olio di palma sostenibile

Nel cuore dell’Africa Centrale, tra fame, miseria e guerra il lavoro di un uomo ci indica la strada verso la prosperità e la sostenibilità.

In Europa ci preoccupiamo per l’immigrazione ma facciamo poco per risolvere il problema alla radice. Piangiamo per i poveri dell’Africa ma facciamo poco per aiutarli a promuovere un’economia di mercato. Facciamo esattamente  il contrario, togliamo all’Africa gli strumenti per prosperare, obbligandoli a migrare o a massacrarsi in guerre tribali che arricchiscono i produttori di armi occidentali. 

Padre Federico Trinchero, come abbiamo già raccontato, sta invece aiutando decine di africani a creare un’economia sostenibile. Padre Trichero è un uomo di Dio che i governi dovrebbero seguire come esempio. Ci aiuterebbe a risolvere molti problemi.  

Padre Federico Trinchero è alla guida di un importante progetto che impiega 500 giovani nella Repubblica Centrafricana, sottraendoli ai gruppi armati, nella produzione di olio di palma. 

Da oggi, ogni mercoledì per le prossime 3 settimane, vi racconteremo in dettaglio come la Chiesa, tramite questa coltura, stia portando prosperità, sviluppo e sostenibilità nel cuore dell’Africa.

La missione di Padre Trinchero è quello di sviluppare un’economia locale che crei occupazione, prosperità e in ultimo, libertà per i cittadini africani.

La comunita dei Frati Carmelitani è arrivata per la prima volta in Centro Africa quasi 50 anni fa, col principale scopo di aiutare la popolazione locale a uscire dalla condizione di miseria. Nel 1998, dopo l’acquisto di un piccolo terreno destinato ad alloggi mai costruiti, i Frati Carmelitani, per non lasciare il terreno incolto, decisero di iniziare la produzione di una materia prima sostenibile in grado di portare benessere e sviluppo: l’olio di palma.

Dopo aver identificato zone incoltivate ed inutilizzate fuori da Bangui, la capitale del paese, piantarono circa 15 mila palme da olio grazie alla consulenza di un esperto agronomo. Nessun disboscamento, nessuna deforestazione. Seguendo le proprie convinzioni, i Carmelitani prima di fare del male alla natura, farebbero del male a se stessi. Anzi, la comunità carmelitana lotta ogni giorno contro la cementificazione della città.

Mentre la loro idea di contribuire allo sviluppo della popolazione locale tramite l’olio di palma è stata supportata  e condivisa da tutta la comunità locale, a partire da diverse organizzazioni regionali, in Occidente diverse ONG e Multinazionali hanno iniziato una guerra ideologica e commerciale, senza nessun affidamento al metodo scientifico contro questo ingrediente sostenibile.

Questo prodotto della terra, come evidenziato da vari indicatori, presenta un profilo di sostenibilità sicuramente migliore ad altre materie prime. In particolare quando la sua produzione viene sottoposta ad elevati standard e certificazioni mirate a ridurne gli effetti sulla natura e la biodiversità. Diversi studi, come quello della Norwegian University of Life Sciences (NMBU), forniscono un dato molto significativo: la conversione a scala industriale della coltivazione delle palme da olio è associata a meno dello 0,5% della deforestazione globale.  

Purtroppo diverse multinazionali hanno preferito non investire in filiere sostenibili per inseguire la facile via del guadagno facile – passando dall’olio di palma sostenibile ad alternative meno sostenibili.

Grazie alle azioni concrete come quella di Padre Trinchero, questo ingrediente ha permesso di bilanciare il diritto di milioni di contadini a coltivare la terra con la preservazione della flora e della fauna. 

Per essere testimoni, sempre di più, di storie come quella di Padre Trinchero. Gli stessi Frati Carmelitani hanno di recente aperto una scuola di agricoltura sostenibile a Bangui, per insegnare e diffondere un messaggio, anzi IL MESSAGGIO: sviluppo, prosperità, sostenibile e rispetto per l’ambiente possono tranquillamente coesistere.

L’olio di palma, la sostenibilità, il futuro sono più forti dell’odio e della guerra civile tra cristiani e musulmani. Tante sfide e una certezza: questo ingrediente può garantire sia un futuro dignitoso a migliaia di persone che la preservazione della biodiversità. Bisogna continuare sulla via che Padre Trinchero ci sta indicando con dedizione infinita. Un esempio unico di questi tempi e, per questo, ancora più prezioso. 

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*