L’Incoerenza di Lidl

lidl

In SVIZZERA la catena di discount Lidl vende prodotti a marchio proprio che utilizzano olio di palma sostenibile.

Lidl riconosce che l’olio di palma è un ingrediente di ottima qualità la cui filiera è soggetta a controlli stringenti che ne attestano la sostenibilità. Così facendo Lidl contribuisce a:

  • promuovere la sostenibilità ambientalee la biodiversità;
  • favorire la crescita economicae la creazione di posti di lavoro in aree in via di sviluppo;
  • tutelare i diritti dei lavoratori.

In ITALIA e in SPAGNA Lidl ha abbandonato l’olio di palma. Lo comunica facendo uso del claim per noi illegale: senza olio di palma. Abbiamo dimostrato che il claim senza olio di palma discrimina un ingrediente sano e soprattutto inganna il consumatore perché lo illude.

Lidl SVIZZERA usa l’olio di palma perché è conveniente, migliora la qualità dei prodotti e soprattutto è sostenibile.

Perché Lidl ITALIA e SPAGNAnon usano olio di palma sostenibile? Lidl non ci risponderà pubblicamente a questa domanda, hanno paura. Forse lo faranno in privato, come fanno in tanti, sostenendo che in ogni mercato (principi fondamentali di un corso 101 di Marketing) si adegua il prodotto alle richieste del consumatore. E’ la famosa balla di Barilla: seguiamo il consumatore. Altri seguono prima la qualità perché porta consumatori. Sono modi di interpretare il proprio lavoro.

DOMANDA I   Perché il consumatore (italiano e spagnolo) non vuole l’olio di palma? Perché pensa che faccia male e contribuisce alla deforestazione uccidendo i poveri oranghi. Sappiamo che non è così. Fino al 2016 – dati alla mano – il consumatore ignorava l’esistenza dell’olio di palma.

DOMANDA II  Chi gli ha detto che è pericoloso per la salute e l’ambiente, ingannandolo, cioè dicendogli il falso che contraddice la Scienza?

RISPOSTA:   le stesse aziende che hanno tolto l’olio di palma.

Il BOICOTTAGGIO dell’olio di palma è palesemente frutto di una STRATEGIA COMMERCIALE che si avvale di informazioni false che discriminano un ingrediente e ingannano il consumatore.

Grandi catene come Coop e Barilla in Italia e Iceland nel Regno Unito, invece di migliorare la qualità dei propri prodotti per conquistare i consumatori persi, hanno preferito scegliere la scorciatoia populistae demonizzare la palma da olio.

Questi gruppi erano grandi utilizzatori di olio di palma (online trovate il loro pubblico sostegno). Poi, nel 2016, lo hanno improvvisamente e poco coerentemente abbandonato sostenendo che è dannoso per la salute e pericoloso per l’ambiente. Fino al 2016, SOSTENEVANO argomenti esattamente opposti. Per Barilla l’olio di palma è ancora oggi il grasso vegetale più sostenibile.

L’assenza di olio di palma non migliora necessariamente di palma il profilo nutrizionale dei prodotti alimentari (e quando lo fa è un miglioramento risibile) né contribuisce alla sostenibilità ambientale.

Lidl SVIZZERA informa il consumatore di utilizzare un ingrediente sostenibile cioè che ha un impatto limitato sull’ambiente. Con il “senza olio di palma” Lidl ITALIA e SPAGNA cosa vuole COMUNICARE al consumatore? Che ha ridotto i grassi saturi? Se si di quanto e di quanto migliora la dieta del consumatore? Che salva l’ambiente? Come?

Lidl è libera di rispondere. Ma non ci faccia la lezione di marketing.

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*