Meno soia per un’Europa migliore

soia

Pochi giorni fa, I ministri dell’Agricoltura dei 28 paesi UE, su suggerimento delle Commissione Europea, hanno discusso la possibilità di ridurre gli importi di soia non-sostenibile da paesi extra-UE. Finalmente.

L’Unione Europea è sempre più dipendente dalle proteine ​​vegetali importate per soddisfare i nostri consumi di carne, latticini e uova. Il consumo di carne nell’UE è aumentato del 60% dal 1960, in particolar modo quella bianca.

Questi animali sono totalmente dipendenti da mangimi composti da cereali e proteine ​​vegetali come la soia. Oltre il 90% della soia necessaria per l’alimentazione animale dell’UE viene importata dal Sud America e, più recentemente, dagli Stati Uniti. La sua produzione ha provocato disastrosi impatti ambientali e sociali come la deforestazione su vasta scala negli ultimi anni.

Questo modello di allevamento intensiva crea gravi problemi: a partire dall’acqua e suolo fino all’inquinamento atmosferico alla perdita di biodiversità e, in quanto importante fonte di emissioni di gas serra, contribuisce più del settore dei trasporti alla crisi climatica globale. Allo stesso tempo, l’eccessivo consumo di prodotti animali si scontra anche con le linee guida sulla salute globale e l’uso eccessivo di antibiotici nel settore zootecnico minaccia una nuova catastrofe globale.

Bisogna sostenere con maggior forza la produzione di colture proteiche europee come contributo alla riduzione della dipendenza dell’UE dalle importazioni di proteine ​​vegetali, nonché a contribuire alla soluzione dei problemi economici e ambientali nell’agricoltura europea.

La stessa Commissione sottolinea i notevoli benefici ambientali derivanti dalla creazione di un approvvigionamento di proteine ​​vegetali sostenibili includendo le colture di legumi nelle rotazioni delle colture e menziona la necessità di sviluppare e sostenere catene di mangimi non geneticamente modificati, biologici e più sani.

Sostituire il livello delle attuali importazioni di mangimi esclusivamente con una produzione europea è un obbiettivo difficilmente realizzabile nello short run ma una transizione verso un modello agricolo e di allevamento più sostenibile è necessaria.

I ministri dell’agricoltura hanno un’opportunità senza precedenti di garantire che lo sviluppo delle colture proteiche sia utilizzato per aumentare la sostenibilità e la redditività dell’agricoltura nell’UE, in particolare per le fattorie contadine e familiari. Ciò significherebbe respingere le coltivazioni di soia non sostenibile e garantire che le riforme della PAC siano utilizzate per sostenere un vero cambiamento nel settore dell’allevamento e una transizione verso sistemi alimentari sostenibili nell’UE.

 

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*