Coda(cons) di paglia

Chissà se i consumatori iscritti –quanti sono?– al Codacons approvano l’ennesima denuncia che la loro associazione ha indirizzato alla Nutella, e quindi alla Ferrero, cioè una delle principali imprese italiane che esporta nel mondo l’eccellenza italiana e dà lavoro a migliaia di persone in Italia e nel mondo. Più che dei posti di lavoro e dell’eccellenza italiana al Codacons sembrano ossessionati dall’olio di palma, a giudicare dalla quantità di azioni legali promosse contro un alimento che in molti amano. Non solo in Italia.

Per coerenza, dovrebbero denunciare tutti gli spot che pubblicizzano gli alimenti che contengono grassi saturi come i salumi, le carni rosse e la mozzarella di bufala ed il pizzicagnolo sotto casa perché non indica il numero massimo di fette di salame da mettere dentro il nostro panino imbottito.

Con questo ennesimo attacco Codacons ci dimostra che la loro non è altro che una battaglia ideologica e populista contro l’olio di palma. Perché abbiamo il fondato timore che questi rappresentanti dei consumatori non siano interessati ai grassi saturi ma all’olio di palma, che fa certamente più notizia.

È solo un sospetto. Per dimostrarci che abbiamo torto gli facilitiamo la vita, e qui trovano delle tabelle con alimenti che hanno un numero significativo di saturi. Tra l’altro sono prodotti che hanno eliminato l’olio di palma. Avete capito? Hanno tolto il famigerato olio di palma e lo hanno sostituito con altri ingredienti, ma i grassi saturi sono rimasti quelli, o sono addirittura saliti.

Aspettiamo. Se siete davvero coerenti e in buona fede ci sono una marea di industrie che creano posti di lavoro, fanno PIL, e anche tanti saturi da perseguitare. Buon lavoro!

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*