Coldiretti mente: l’olio di palma non c’entra con il prezzo del burro

Scarica il paper: “Coldiretti mente: l’olio di palma non c’entra con il prezzo del burro”

Continua la campagna di Coldiretti sull’aumento del prezzo del burro e sulla presunta carestia di questo ingrediente per aumentare il proprio peso e il proprio vantaggio nel dibattito pubblico.

Il sindacato degli agricoltori, però, utilizza mezze verità (se non vere e proprie bufale) e poche evidenze empiriche, invadendo giornali, televisioni, siti e blog con messaggi distorti e sostenendo che il rialzo del prezzo e la scarsa offerta di questo grasso siano dovuti al fatto che molte aziende non utilizzano più l’olio di palma, nei loro prodotti.

Peccato che quest’ultima affermazione non sia vera: il minor utilizzo di olio di palma non c’entra nulla con la carenza di burro.

La strategia di Coldiretti sembra chiara: demonizzare l’olio di palma, confondere i consumatori sostenendo che il burro è il suo sostituto naturale e aumentare il proprio potere negoziale sul mercato millantando un’improvvisa “carestia” di burro che potrebbe portare ad un aiuto economico da parte dello Stato.

Scarica il paper: “Coldiretti mente: l’olio di palma non c’entra con il prezzo del burro”

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*