Perché dobbiamo ripensare la Democrazia

Campagne Liberali sostiene il manifesto della Renew Democracy Initiative:

  1. Il mondo moderno è a rischio di perdersi. L’ordine liberal-democratico è sotto attacco da dentro e da fuori. In risposta, è stato formato un comitato per rispondere alla crisi. Questo documento descrive la crisi e delinea le risposte necessarie per affrontarlo.
  2. L’arco storico verso una maggiore stabilità globale, libertà e prosperità in vaste parti del mondo rischia di essere ripiegato verso l’autoritarismo politico, la stagnazione economica, l’estremismo ideologico e il disordine internazionale. La stabilità economica e politica che abbiamo dato per scontato per decenni si sta erodendo rapidamente. I principi cardine della democrazia liberale che una volta definivano una maggioranza politica centrista in tutto il mondo libero sono stati fatti a pezzi, dal momento che le vedute marginali di sinistra e di destra ottengono l’accettazione pubblica.
  3. Un senso incrollabile di appartenenza ha portato i maggiori partiti ad abbandonare la causa comune, portando alla debilitazione di istituzioni civiche vitali, compresi i mezzi di informazione responsabili e i principali partiti politici. I dibattiti sull’immigrazione, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, il commercio, la sicurezza nazionale e le tasse sono stati politicizzati IDEOLOGIZZATI a tal punto che i compromessi necessari per creare soluzioni solide e sensate sono improbabili da raggiungere.
  4. È essenziale difendere e adeguare i valori e le istituzioni della democrazia liberale prima che siano ulteriormente paralizzati. Questi includono: l’integrità delle elezioni democratiche; libertà di stampa, parola, coscienza, religione e assemblea; uguale giustizia secondo la legge e indipendenza del potere giudiziario; la sicurezza e la sicurezza di individui e nazioni; la capacità di fare affari senza corruzione o interventi governativi eccessivi; il diritto di ogni cittadino a cercare opportunità sotto l’eguale protezione della legge; il libero flusso di beni, servizi, capitali e idee oltre i confini; una politica di immigrazione razionale e umana; una democrazia rappresentativa che rende il governo responsabile nei confronti dei suoi cittadini; cittadini che si sentono trattati in modo equo e pienamente rappresentati dai loro governi.
  5. È altrettanto essenziale difendere la democrazia liberale dagli avversari globali, i regimi autoritari, i gruppi terroristici e le ideologie e teologie su cui si fondano entrambi. Ciò richiede una profonda comprensione della natura di queste minacce e la volontà di affrontarle senza paura, senza mettere a repentaglio i diritti primari dei popoli liberi e le regole dei governi civili.
  6. I pilastri della modernità sono interconnessi. La stabilità politica e la sicurezza internazionale consentono il commercio globale e l’enorme crescita economica. Uno stato di diritto prevedibile e consensuale crea le condizioni in cui gli imprenditori e le imprese prosperano, promuovendo tenori di vita ad un livello che a loro volta accrescono l’attrattiva globale della democrazia liberale. I cambiamenti politici e digitali consapevoli in società precedentemente chiuse o rigide sbloccano il potenziale economico e intellettuale di milioni di persone, rendendo più probabile che simili cambiamenti seguiranno.
  7. Non è un caso che il ventesimo secolo sia stato il secolo americano. I principi fondamentali della democrazia, della libertà e dei diritti umani hanno guadagnato l’influenza globale grazie all’incredibile crescita della prosperità e del potere americani. Gli Stati Uniti hanno promosso i propri valori all’estero in generale con notevole successo. La democrazia liberale e le economie del libero mercato sono divenute, se non una norma politica universale, un’aspirazione diffusa. Gli Stati Uniti devono continuare a promuovere questi valori e le istituzioni che li sostengono, in patria e all’estero.
  8. Negli ultimi anni queste tendenze hanno rallentato, si sono fermate o si sono completamente ritirate in alcune parti del mondo. Nazionalisti, neofascisti, xenofobi, razzisti e antisemiti hanno ricevuto un’ondata di sostegno. Il neo-marxismo ha trovato nuovi campioni in paesi che devono la loro ricchezza alle opportunità offerte dal capitalismo del libero mercato. Anche il protezionismo sta guadagnando popolarità nei paesi che hanno beneficiato del libero scambio. L’estremismo islamico ha acquisito influenza attraverso una combinazione di richiamo politico, repressione sociale e puro terrore. Molti campioni di questi movimenti hanno preso ispirazione, o ricevuto sostegno politico e finanziario, da regimi autoritari. La tecnologia moderna mette a disposizione nuove armi, nuove reclute e nuovi obiettivi per le forze illiberali, che si sono mosse molto più rapidamente per sfruttarle rispetto a quando il mondo libero si è mosso per difendersi. Sostenitori della cospirazione e siti web marginali hanno diffuso “false notizie” che supportano le loro credenze illiberali e che minano la fede in dati di fatto obiettivi e comunemente accettati.
  9. Non vi è dubbio che molti dei problemi posti in evidenza dai sostenitori dell’illiberalismo sono reali, tra i quali la crescente disparità di reddito, un’economia disordinata, il declino della mobilità sociale, l’alta disoccupazione giovanile, una minaccia terroristica crescente e crolli sociali che sono il risultato di trasformazioni tecnologiche e, in alcuni casi, politiche governative sbagliate. Ma le soluzioni a questi problemi proposte dai sostenitori dell’illiberalismo vanno dall’impossibile, all’illusorio, all’immorale. Le società libere non possono prosperare adottando le pratiche delle società chiuse. Mentre le opinioni religiose e nazionalistiche estreme giocano un ruolo centrale nella crescente ondata di illiberalismo, il sentimento moderato religioso e patriottico può essere vitale nel contrastare l’alienazione sociale e il radicalismo.
  10. Gli estremisti condividono un disprezzo per il globalismo su cui si basa la prosperità moderna. Che siano di estrema sinistra o di estrema destra, credono nelle soluzioni onnicomprensive per problemi che possono essere risolti meglio attraverso una maggiore libertà, competizione, apertura e mobilità. Entrambi cercano il potere senza compromessi o coalizioni e usano la legge solo quando rafforza la propria posizione. Queste forze illiberali abbracciano la retorica divisiva che rende impossibile il dibattito razionale. Infatti, spesso rifiutano fatti consolidati e ragionamenti scientifici a favore di teorie cospirative e miti maligni. La democrazia liberale deve affrontare i problemi di coloro che sono svantaggiati dal cambiamento economico con programmi pratici fondati su fatti e ragione.
  11. Il mondo libero deve mobilitarsi in difesa delle società libere e dei loro valori e promuoverli laddove sono più urgentemente necessari, e deve respingere l’intimidazione o la soppressione della libertà di parola, radicate nella rigidità ideologica o nell’intolleranza per la differenza politica, come è accaduto nei campus universitari e altrove. I fautori occidentali dell’ordinamento democratico-liberale devono prima promuovere questi valori a casa propria e poi difenderli all’estero senza imporle paternalisticamente, o ripetere i passati errori come alleanze acritiche con regimi autoritari.
  12. La polarizzazione politica ha aperto le porte a interferenze attive, anche di guerra, da parte di potenze esterne. Dobbiamo respingere questa strada pericolosa. Non dobbiamo permettere che gli estremi politici tolgano completamente il centro. Per raggiungere questo obiettivo, ci devono essere alternative credibili, soluzioni reali e un dialogo continuo. Dobbiamo riunire i valori che ci uniscono per preservare e ottimizzare le istituzioni da cui dipendiamo per affrontare le questioni che ci dividono. Dobbiamo incanalare l’impeto dell’impegno politico nella formazione di un nuovo centro vitale, che trascenda la propria organizzazione e l’ideologia.
  13. C’è ancora un centro nella politica occidentale, e ha bisogno di essere rivitalizzato – intellettualmente, culturalmente e politicamente. Il centro destra e il centro sinistra sono ancora collegati da un’ampia serie di valori comuni, tra cui il rispetto della libertà di parola e di dissenso, la credenza nei benefici del commercio internazionale e dell’immigrazione, il rispetto della legge e della legittimità procedurale, il sospetto dei culti della personalità, e il comprendere come le società libere richiedano protezione dagli autoritari che promettono soluzioni facili a problemi complessi.
  14. L’esigenza immediata è di contribuire a ripristinare la fiducia politica e l’equilibrio delle idee tra i tradizionali partiti di centro destra e centro sinistra su entrambe le sponde dell’Atlantico. Questo non richiede fondamentalmente idee “nuove”. Richiede una nuova riflessione sulle buone idee, un nuovo modo di argomentare per i sani principi della democrazia liberale.
  15. Lo scopo di questo Comitato è aiutare a generare questo pensiero nuovo e convocare le migliori menti di diversi paesi per riunirsi per progetti ampi e discreti al servizio della libertà e della democrazia in Occidente e oltre.

PER SAPERNE DI PIÙ: www.renew-democracy.org

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*