E-cig: Emendamento del governo dimostra arretratezza clientelare

L’emendamento del Governo sulle sigarette elettroniche che aumenta la tassazione e conferma il divieto di vendita online è la dimostrazione che in questo paese la logica clientelare domina rispetto l’idea di promuovere la libera iniziativa e l’innovazione.

“L’emendamento del Governo sulle sigarette elettroniche che aumenta la tassazione e conferma il divieto di vendita online è la dimostrazione che in questo paese la logica clientelare domina rispetto l’idea di promuovere la libera iniziativa e l’innovazione” – afferma con una nota l’associazione Campagne Liberali, da tempo in prima linea nella battaglia per garantire un futuro al mercato delle sigarette elettroniche che ora rischiano di scomparire dall’Italia.

Ti potrebbe interessare: La casta vieta la vendita online dei liquidi e-cig.

“Il dibattito intorno a questa legge di stabilità ha dimostrato la volontà della maggior parte dei parlamentari e dei politici di limitare la concorrenza favorendo alcuni gruppi di interesse ben precisi” – continuano da Campagne Liberali. “L’emendamento del Governo favorisce pochi per colpire ulteriormente il settore delle sigarette elettroniche” – aggiungono.

Per Campagne Liberali “la legge di stabilità dovrebbe essere l’occasione per confrontarsi su proposte che favoriscono la crescita, l’occupazione, la libertà e la convivenza dei cittadini, oltre che l’innovazione. Invece è diventato lo spazio per umiliare le regole delle democrazie liberali e per limitare la libera concorrenza”.

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*