Guerra al Grano, Coldiretti smentita dalla scienza

La scienza smonta le accuse di Coldiretti nella Guerra del Grano. La scorsa settimana abbiamo denunciato la protesta di Coldiretti di fronte ad una nave canadese carica di grano e ormeggiata nel porto di Bari. Gli agricoltori accusano il grano straniero di essere contaminato dal DON (deossivalenolo). Naturalmente i media ripresero la notizia con la solita enfasi servile.

I Carabinieri hanno effettuato alcune analisi sul prodotto prelevato dalla nave. Indovinate un po’? Il grano canadese non presentava alcun segno di contaminanti né pesticidi superiori ai livelli molto stringenti previsti a livello nazionale.

La protesta di Coldiretti dovrebbe sgonfiarsi da sola di fronte all’evidenza scientifica e fattuale. Spiace che i media abbiano urlato a squarcia gola per poi dimenticarsi di raccontare gli esiti dell’indagine sanitaria. E’ informazione questa.

Non piove, paga sempre il cittadino. Riguardo il problema siccità e scarsezza di risorse idriche, ci si sarebbe aspettato che Coldiretti insieme al Governo e in particolare al Ministero dell’Agricoltura, con cui hanno un rapporto più che amichevole, avessero concordato o quantomeno abbozzato un piano per scongiurare il rischio di trovarsi senza acqua per coltivazioni e allevamenti.

Solo oggi invece Coldiretti sembra accorgersi dell’imminente tragedia, dopo che le previsioni metereologiche avevano da mesi (ma la tendenza è su base annuale) preannunciato un’estate torrida e priva di precipitazioni. In questo modo il sindacato degli agricoltori può chiedere ulteriori soldi pubblici al Governo e alle Regioni sui quali non vi sarà quasi nessun controllo e che verranno utilizzati solamente per affrontare un’emergenza.

E proprio qui sta il problema: si continua a chiedere e ad erogare il denaro dei cittadini solamente nei casi di emergenza, mentre ci si dimentica dell’aspetto più importante ossia la prevenzione.

Campagne Liberali è un'associazione di cittadini che difende la libertà di scelta e promuove il metodo scientifico.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*