La nuova battaglia del grano e il protezionismo maccheronico

Peggio del protezionismo c’è solo il protezionismo maccheronico: il governo introduce l’indicazione obbligatoria di origine del grano per la pasta. Non un buon affare e qui si spiega il perché.

Peggio del protezionismo c’è solo il protezionismo maccheronico.

Il primo promuove la prosperità economica attraverso la protezione dell’identità e della produzione nazionale limitando o addirittura evitando gli scambi commerciali e la contaminazione culturale, negando di fatto la società aperta.

Il secondo, invece, usa la retorica protezionista per favorire interessi corporativi più o meno ristretti, di bottega, danneggiando non solo la libera iniziativa ma anche il più ampio interesse nazionale.

Nel 1925 l’Italia fascista diede vita alla Guerra del Grano. Mussolini ambiva a sfamare gli italiani e a raggiungere l’autosufficienza alimentare incentivando la produzione di grano. Protezionismo.

Oggi, un secolo più tardi, il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina in compagnia del ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda promuovono una nuova battaglia del grano, introducendo l’indicazione obbligatoria di origine del grano per la pasta. I due ministri vogliono promuovere la trasparenza ed indirettamente il Made in Italy, cioè il grano italiano. Purtroppo finiscono per tradire entrambe, creando un bel pasticcio. Protezionismo maccheronico.

Forse è proprio questo che i due ministri cercano: promuovere un’iniziativa che è destinata a fallire per cause esterne (Ue, cause civili, etc.). Così facendo si accontentano i coltivatori illudendoli e non si scontentano i produttori di pasta lasciando fallire la riforma. È ormai una linea di condotta priva di qualsiasi ambizione che rispecchia la tattica per la sopravvivenza di questo governo: “noi ci abbiamo provato, ma purtroppo è andata male”.

Leggi l’articolo completo su Tempi.it: La nuova battaglia del grano

Pietro Paganini

Liberale classico e montessoriano. Professore Aggiunto in Business Administration presso la John Cabot University di Roma. Fondatore e Curiosity Officer di Competere – Policies for Sustainable Development – una piattaforma di professionisti che produce analisi e ricerche per innovare i processi produttivi. Fondatore e Segretario Generale dell’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati. Editorialista per La Stampa, ha pubblicato per diverse testate nazionali ed internazionali tra cui il WSJ, il Corriere della Sera e il Sole 24 Ore.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*